Omelia della Santa Messa Crismale 2019

Omelia della Santa Messa Crismale 2019

Cattedrale di San Zeno

 

«Carissimi presbiteri, in questa Santa Messa crismale, vorrei rivolgermi quest’anno soprattutto a voi. Anche a me stesso naturalmente, dal momento che condividiamo lo stesso sacramento dell’Ordine.

Al popolo di Dio che è qui, alle famiglie, ai laici tutti, ai ragazzi che faranno la Cresima in quest’anno e che sono qui presenti, dico: lasciate che stasera parli in particolare ai vostri sacerdoti: essi sono chiamati ad essere in mezzo a voi segno di Cristo Buon Pastore e proprio per questo, parlando a loro, penso anche al bene di tutti voi.

Dunque, carissimi amici e fratelli nel sacerdozio ministeriale, una semplice e disarmante verità mi preme richiamare ora alla nostra mente e al nostro cuore: la meta della nostra vita è la santità e non qualcosa di meno. La santità è la realizzazione del disegno di Dio su di noi, è la realizzazione della nostra vita; è la nostra aspirazione più profonda e il dono grande che riceviamo da Dio e a cui dobbiamo corrispondere.

E allora ripartiamo da lì, carissimi amici, proprio dal dono di Dio che è la nostra chiamata. Ripartiamo dal giorno in cui fummo concepiti nel seno di nostra madre e ancor prima pensati da Dio come suoi ministri, per un suo imperscrutabile disegno. Cresciuti, udimmo la sua chiamata; confusa, incerta, mescolata ad altre voci, ma la udimmo. Non sapevamo bene che cosa ci chiedesse, che cosa volesse dire; fummo attratti in qualche modo dalla vita sacerdotale; forse, nel nostro desiderio si mescolavano debolezze e fragilità; ma noi quella voce la udimmo e ci affascinò. Non lo possiamo negare. Lasciammo ogni cosa per seguire quella voce; abbandonammo familiari e casa, amici e compagni per incamminarci con l’entusiasmo e insieme le contraddizioni dell’età giovanile, verso il sacerdozio. Ricordate amici carissimi, il tremore del giorno dell’Ordinazione? L’emozione della Prima Messa, mentre la gente ci si faceva intorno festante e ci significava in mille modi, con preghiere e doni, il suo affetto? Ma soprattutto, ricordiamo amici carissimi quel dialogo interiore che in quei giorni intrattenevamo con il Signore, al quale donavamo con sincera volontà tutta la nostra vita, rinunciando a farci una nostra famiglia, a un affetto particolare, ad avere dei figli nostri, a realizzare progetti di vita nostri? Volevamo soltanto seguire Gesù ad ogni costo e spendere la nostra vita per il bene delle anime. Allora non ci pesò fare il passo, perché ci sentivamo abbracciati dall’amore di Dio; sentivamo che Lui era con noi e non ci avrebbe mai abbandonato. Forse presumevamo anche un po’ delle nostre forze e il tempo ci avrebbe fatto sperimentare la nostra povertà.

Riandiamo però stasera con gioia, con gratitudine, con riconoscenza a quei giorni in cui il nostro giovane cuore incontrò il Signore e si sentì avvolto dal suo amore. Lui è ancora con noi e ci sceglie, sempre di nuovo. Lo fa anche stasera, nonostante che gli anni ci abbiano un po’ affaticato e i nostri peccati appesantito. Anche se le esperienze e le delusioni della vita ci possono aver reso a volte cinici o demotivati, ancora il Signore Gesù ci guarda negli occhi, fissa il suo sguardo su di noi e ci chiama nuovamente ad essere suoi apostoli. Continua a fidarsi di noi, si consegna nelle nostre mani e ci dice ancora “voi siete i miei amici, a voi affido il mio gregge, il mio popolo; pascetelo con amore. Rinfrancate il vostro cuore, rinsaldate il vostro spirito e confermate i vostri fratelli: il mio stesso spirito è su di voi.”

Ed eccoci alla seconda cosa che vorrei evidenziare stasera: la bellezza del nostro essere insieme in un unico presbiterio. È un dono straordinario; una esperienza davvero pasquale; una gioia grandissima. Noi non ci siamo scelti; è il Signore che ci ha messo insieme e ha fatto di noi un variegato giardino. Siamo diversi l’uno dall’altro e non è detto che, umanamente parlando, ci stiamo tutti simpatici. Lo sappiamo. Eppure, c’è qualcosa che ci lega e ci unisce, più forte di tutte le nostre divisioni e i nostri isolamenti. Non ce ne accorgiamo? Credo di si; basta un attimo di attenzione per accorgersene. Io, questo legame con voi lo sento. È forte, intenso. A volte è doloroso, come sempre lo è l’amore vero. So quanto dovrei fare di più e quanto di più dovrei essere vicino a ciascuno di voi, alla vostra vita, alle vostre ansie e speranze. Ciononostante, il legame che c’è lo sento ed è forte e ne sono grato al Signore. Cosa sarei senza di voi? Ma credo che sia così anche per ciascuno di voi nei confronti l’uno dell’altro.

Siamo davvero un unico corpo, carissimi amici, pur se con caratteri e sensibilità diverse; siamo tutti alla sequela di Gesù e vogliamo rispondere alla sua chiamata. Siamo sulla stessa barca e questo ci fa accettare di buon grado anche la a volte necessaria correzione fraterna. Siamo una cosa sola: riconoscerlo con gratitudine, fare consapevolmente “corpo”, sentendosi un cuor solo e un’anima sola è necessario oggi più che mai, quando gli attacchi alla nostra vita vengono da molte parti e a volte anche dal di dentro di ciascuno di noi. I tempi non sono facili, sono complicati, contraddittori, sconclusionati. Anche per questo dobbiamo imparare a godere della nostra unità. Di quella comunione che nasce dallo Spirito Santo diffuso nei nostri cuori e dal comune sacramento dell’Ordine ricevuto.

Un’altra cosa ancora vorrei dirvi questa sera, carissimi amici: il popolo di Dio ci aspetta, ci attende; ha bisogno di noi, del nostro zelo, del nostro entusiasmo, ha bisogno della nostra carica interiore, del nostro slancio, della nostra fede, della nostra speranza, del nostro amore. Siamone consapevoli!

Questo popolo chiede di essere radunato in Cristo; chiede di essere difeso dai lupi rapaci che insidiano continuamente il gregge del Signore. Nel popolo di Dio ci sono i piccoli, i giovani, gli sposi, i deboli, i poveri, gli anziani. Ognuno attende da noi una parola di conforto, di incoraggiamento; una testimonianza di generosità e di dedizione, di distacco dai beni terreni; una testimonianza di amore sincero alla chiesa. Oggi poi sono molti coloro che non frequentano la chiesa. Anche nei loro confronti siamo debitori del Vangelo, della comunicazione della bellezza di Gesù e della vita con Lui. Abbiamo una missione che nessun altro uomo sulla terra ha.

Vedete, dar da mangiare a chi ha fame lo possono fare tutti, anche se purtroppo molti non lo fanno e occorre spingere a questo con l’esempio; assistere i malati lo possono fare tutti; lottare per una società più giusta, anche questo lo possono e debbono fare tutti; custodire la casa comune perché sia abitabile e non contaminata, è richiesto a tutti, anche se pure qui lo dovrebbero fare in molti di più. Ma assolvere dai peccati, nessuno al mondo lo può fare, se non voi, per la potenza dello Spirito Santo. Rialzare una persona dall’abisso del male e dalla prostrazione della perdita di ogni speranza donandogli la gioia della grazia di Dio, nessun uomo ha il potere di farlo, se non voi. Nessuno al mondo può dare agli uomini il Pane della vita eterna e il Vino della nuova alleanza; nessuno può dare al mondo la parola della verità che è Dio fatto uomo in Gesù Cristo; nessun uomo ha la potestà di radunare insieme in una famiglia di fratelli, genti diverse per etnia, cultura, condizione social. Nessuno, se non voi, se non noi, per la misericordia di Dio e non certo per i nostri meriti. Se a volte siamo derisi o non capiti, se ci sembra di perdere tempo o di essere assolutamente fuori dal mondo, non scoraggiamoci: siamo certi che questa è la chiamata del Signore per cui siamo venuti al mondo e a questa dobbiamo rispondere.

Vorrei concludere queste mie riflessioni invitandovi, carissimi amici e confratelli, a riconoscere anche quanto di bello riceviamo ogni giorno dal popolo di Dio, quel popolo che è qui stasera rappresentato. Siamo debitori nei suoi confronti. Perché questo popolo continua a volerci bene, nonostante tutti i nostri limiti; in genere ci apprezza e ci stima; ci è vicino e persino comprende i nostri difetti. Spesso prega per noi e noi, io in particolare, sentiamo davvero la forza di questa preghiera. Senza, non ce la faremmo mai.

Quanto ci hanno dato le persone che abbiamo incontrato nel nostro ministero, quelle stesse magari che sono state affidate a noi! Si sono rivelate spesso veri strumenti nelle mani di Dio; ci hanno fatto bene e fatto del bene, anche quelle che qualche volta ci hanno fatto soffrire.

Per questo popolo di Dio a cui apparteniamo e di cui siamo parte, noi rivolgiamo stasera una sincera preghiera al Signore; su di esso invochiamo la benedizione del cielo, mentre nuovamente decidiamo di metterci al suo servizio, nel nome del Signore. E questo è anche il senso delle promesse sacerdotali che ora ci apprestiamo a rinnovare».

I commenti sono chiusi .