Cos’è Art Bonus?

La Legge Regionale 18/2017 prevede agevolazioni fiscali per imprese, liberi professionisti, fondazioni (comprese le fonazioni bancarie) che contribuiscano alla valorizzazione del patrimonio culturale e del paesaggio in Toscana attraverso una donazione ad enti pubblici o privati senza scopo di lucro, che prevedano nel loro statuto o atto costitutivo la finalità della promozione, organizzazione e gestione di attività culturali e della valorizzazione del patrimonio culturale o del paesaggio, ed ad enti ecclesiastici riconosciuti a norma delle leggi civili, aventi sede in Toscana.

L'importo minimo delle donazioni è fissato in euro 1.000,00.

L'agevolazione per i progetti presentati dalla Diocesi consiste in un credito di imposta sull'imposta regionale sulle attività produttive (IRAP) nelle seguenti misure: 40% delle erogazioni liberali destinate in favore dei progetti presentati dai soggetti descritti all'articolo 3, comma 1, lettera a) della LR 18/2017.

Come funziona la normativa e quali sono le scadenze?

Il Regolamento di attuazione, previsto dall'art.5 dalla LR 18/2017, definisce termini e modalità di presentazione e istruttoria delle domande; l'iter del procedimento può essere così riassunto:

  • Il soggetto che intende effettuare una donazione, insieme al beneficiario della stessa, presenta richiesta alla Regione Toscana di riconoscimento dell'agevolazione fiscale, utilizzando la seguente modulistica:

Modulo per donazioni a favore di progetti relativi alla cultura 

  • La Regione, entro 30 giorni dal ricevimento, risponde all'istanza dopo aver verificato il possesso dei requisiti richiesti dalla legge e la disponibilità di bilancio per il riconoscimento dell'agevolazione.
  • Il soggetto donante ha tempo fino al 31 dicembre per effettuare la donazione dichiarata e inviare alla Regione la documentazione comprovante l'avvenuto bonifico.
  • Entro il 15 marzo la Regione approva con decreto l'elenco dei donatori e dei beneficiari, che sarà trasmesso all'Agenzia delle Entrate. 

Per ogni altro approfondimento si rinvia alla seguente pagina: come donare.

Per qualsiasi informazione è possibile contattare l'Ufficio Beni Culturali della diocesi.

 

Ecco i progetti attivi:

PROGETTO 1: COMPLESSO PARROCCHIALE SAN MICHELE A. IN CARMIGNANO

Inizio progetto:  04.01.2019

PARROCCHIA DI
SAN MICHELE A.
IN CARMIGNANO 

Vai alla scheda completa

Come donare

COSTO INTERVENTO

Il costo complessivo preventivato per le sole opere strutturali è di € 697.000. Si confida di poter attingere anche a finanziamenti terzi rispetto alla sola parrocchia e alla diocesi. La parrocchia è già da tempo impegnata nell’opera di Crowfunding; la diocesi chiederà compartecipazione finanziaria alla Conferenza Episcopale Italiana per i prossimi anni.

PROGETTO 2: PARROCCHIA DI SANT’ANDREA – COMPLESSO PARROCCHIALE

Inizio progetto:  04.01.2019

PARROCCHIA DI
SANT’ANDREA
IN PISTOIA 

Vai alla scheda completa

Come donare

COSTO INTERVENTO

Il costo complessivo preventivato per gli interventi è di € 1.053.000,00. Si deve attingere in massima parte a finanziamenti terzi rispetto alla parrocchia e alla Diocesi, trattandosi di ingenti lavori di restauro per i quali è necessario un interessamento ed una sinergia da parte di più realtà ed enti.

PROGETTO 3: DIOCESI DI PISTOIA – PALAZZO VESCOVILE

Inizio progetto:  04.01.2019

DIOCESI DI PISTOIA
PALAZZO VESCOVILE

Vai alla scheda completa

Come donare

COSTO INTERVENTO

Il computo metrico estimativo attesta un costo di realizzazione dell’intervento a € 700.000, al netto degli oneri, progettazione, sicurezza. Il costo del secondo lotto necessita di essere rivisto al termine dei lavori del primo lotto in modo da poter essere raffrontato con le effettive spese sostenute, le prescrizioni operate dalla Soprintendenza, le integrazioni avvenute in corso d’opera. La diocesi si impegna ad inoltrare la pratica di richiesta finanziamento all’Ufficio Beni Culturali della Conferenza Episcopale Italiana chiedendo un contributo parziale, restando da coprire la parte eccedente di tale contributo.