DOMENICA 14 LA GIORNATA MONDIALE DEI MIGRANTI IN DIOCESI

image_pdfimage_print

Appuntamento a domenica 14 gennaio in Cattedrale per la Santa Messa “multietnica” presieduta dal Vescovo

PISTOIA – Una serata di festa e condivisione e una sessione di studi per vivere al meglio la giornata mondiale dei migranti. Queste le iniziative dell’ufficio migrantes in programma per domenica 14 gennaio nella Cattedrale di San Zeno e per il 10 febbraio in seminario vescovile.

«Il fenomeno migratorio come ben sappiamo è assai complesso, anche perché assistiamo ad un passaggio dal mondo multiculturale al mondo interculturale – afferma  don Elia Matija, direttore dell’ufficio migrantes –. Ed è in questo contesto che siamo chiamati a saper leggere i “segni dei tempi” perché spesso si affronta e si interpreta questo fenomeno solo con le categorie sociologiche, politiche ed economiche.

L’ufficio, composto da una èquipe che garantisce un respiro diocesano, coinvolge persone impegnate in diversi ambiti sociali e istituzionali e si propone quale presenza attiva ed efficace per la pastorale dei migranti e dei rifugiati».

Quest’anno la giornata dei migranti prevede due appuntamenti distinti: il primo avrà luogo nel pomeriggio del 14 gennaio. Alle 15.30 sarà celebrata la Santa Messa in Cattedrale presieduta dal nostro vescovo Fausto e animata dalle varie comunità etniche presenti in diocesi, seguita, alle 17, da  un momento di convivialità nell’atrio del Comune con cibi, canti e danze tradizionali delle varie etnie.

Il secondo appuntamento è previsto per il prossimo 10 febbraio alle ore 10 nell’aula magna del seminario vescovile, per una giornata di studi dedicata al fenomeno migratorio e alle sue principali problematiche. Daranno il proprio contributo la prof.ssa Cristina Molfetta, saggista, antropologa esperta di cooperazione internazionale e coordinatrice dell’ufficio migrantes della diocesi di Torino; l’avvocato Luca Insalaco di Palermo specializzato in politiche di immigrazione; l’avvocato Alketa Metani che ci parlerà sul fenomeno migratorio in Toscana.

(redazione)

 

I commenti sono chiusi .