I commenti sono off per questo post

DOMENICA 11 UN AVVENTO DI FRATERNITA’ PER LA MENSA DON SIRO BUTELLI

Il prossimo 11 dicembre la Diocesi di Pistoia celebra l’Avvento di Fraternità, una giornata dedicata, in particolare, a sostenere la mensa Don Siro Butelli di Pistoia. Il direttore della Caritas Marcello Suppressa ci illustra questa iniziativa.

La giornata sarà dedicata a sostenere la mensa che da 30 anni accoglie persone in difficoltà fornendo vari servizi. Cosa ha significato fino ad oggi questo servizio?

La mensa è un’opera segno voluta dalla nostra Diocesi proprio per testimoniare quotidianamente l’importanza del servizio ai fratelli e alle sorelle che si trovano in situazioni di difficoltà. Come già detto, da oltre 30 anni, è un luogo di accoglienza che ha vissuto la trasformazione della nostra comunità. Da circa 10 ospiti alla sua nascita per arrivare ai quasi 180 accessi giornalieri di oggi. Cosa che non è cambiato è il ruolo del volontariato che è il valore aggiunto del nostro servizio. È un numero alto perchè oltre alla turnazione giornaliera c’è tutto il servizio svolto nei giorni festivi che è in carico ai gruppi giovanili che provengono in particolare dalle parrocchie e dall’agesci.

La mensa, quindi, si è trasformata adeguando il proprio servizio al continuo cambiamento della società.

Quale messaggio vuole dare in occasione di questo avvento di fraternità?

Caritas ha recentemente presentato il Dossier sulle povertà e le risorse, il messaggio che abbiamo ripetuto, oltre i dati, è quello della speranza che dobbiamo sforzarci di portare nei nostri servizi e in ogni nostra azione. Sentiamo l’urgenza di essere credibili e di portare, da credenti, il messaggio del Signore attraverso Isaia “aprirò anche nel deserto una strada”. È un‘esortazione a guardare il nostro tempo, con tutta la sua problematicità (stiamo davvero attraversando il deserto!) e ad aprirsi alla speranza, volgendo lo sguardo verso il futuro, perché Dio è sul punto di “fare una cosa nuova” e noi dobbiamo e vogliamo credere a questo!

In che modo possiamo collaborare…

La Caritas Diocesana fa essenzialmente 3 proposte:

volontariato, chiamando allo 0573976526 o scrivendo una mail a coordinamentoservizicaritas@diocesipstoia.it, per fissare direttamente una visita ai nostri centri operativi e valutare una proposta d’impegno;

raccolta di generi alimentari a lunga conservazione, da destinare direttamente alle persone in difficoltà che usufruiscono dei nostri servizi o per la preparazione dei pasti serali. Ricordiamo a tal proposito alcuni dei nostri numeri: 40 Colazioni – 82 Pranzi – 39 Ristori pomeridiani – 62 Cene – 39 Pranzi da asporto – Spese alimentari per circa 16 famiglie.

Contributo economico o offerte: donando attraverso il nostro cc postale C/C 10900512 INTESTATO A CARITAS DIOCESANA DI PISTOIA o direttamente presso l’ufficio della Caritas Diocesana in via Puccini 36, aperto dal lun al ven dalle 9 alle 13 – tel 0573976133

Fondamentale per noi, sia come mensa che come centri di ascolto, è il coordinamento con tutte le realtà presenti nella comunità dalle parrocchie alle associazioni fino ai Servizi Sociali territoriali. Dobbiamo sempre più costruire una rete solidale fra privato e istituzioni, fra famiglie, nelle nostre comunità, per non rimandare ad altri quello che ci compete, per essere in grado di sostenere davvero coloro che fanno più fatica

Qual è il messaggio che ci lascia il giubileo appena concluso? Il volto di Cristo nei poveri e negli abbandonati rimarrà a interrogarci e chiedere misericordia..

L’anno della misericordia appena trascorso ci invita a non dimenticarci di noi, delle nostre famiglie, delle nostre comunità per mettere al centro le persone, sempre, nel nostro agire. L’anno della Misericordia è stata un’opportunità per tutti per ricentrare le nostre priorità e riscoprire nei nostri cuori l’amore più sincero e vero per noi stessi e per i nostri fratelli. Dobbiamo fare nostre le parole di Papa Francesco in occasione della chiusura del Giubileo “Chiediamo la grazia di non chiudere mai le porte della riconciliazione e del perdono, ma di saper andare oltre il male e le divergenze, aprendo ogni possibile via di speranza. Come Dio crede in noi stessi, infinitamente al di là dei nostri meriti, così anche noi siamo chiamati a infondere speranza e a dare opportunità agli altri. Perché, anche se si chiude la Porta santa, rimane sempre spalancata per noi la vera porta della misericordia, che è il Cuore di Cristo. Dal costato squarciato del Risorto scaturiscono fino alla fine dei tempi la misericordia, la consolazione e la speranza”.

 Daniela Raspollini

I commenti sono chiusi .