I commenti sono off per questo post

IL 29 GENNAIO LA FESTA DELLA PACE DELL’ACR

Ogni anno l’Azione Cattolica Ragazzi Nazionale mette a calendario per le realtà diocesane alcuni momenti associativi importanti. Il primo è la festa del Ciao, primo incontro dell’anno a Ottobre, che vuole essere un inizio segnato dal salutarci, dal conoscerci e ritrovarsi dopo i campi scuola e la pausa estiva.

Il secondo incontro, quello invernale, si ricopre ancora più di significato e celebra la festa della Pace. Quest’anno Pistoia ha scelto di festeggiare la Festa della Pace in maniera più pubblica e visibile facendo incontrare i ragazzi nelle vie della città per farli partecipare alla messa con il nostro Vescovo Mons. Fausto Tardelli presso la Chiesa della Madonna e creare uno spazio di condivisone anche con adulti e famiglie. Anche i giovani non mancheranno a questo appuntamento.

Perchè questa scelta?

Ci sono molti motivi. Uno tra questi è sicuramente la fine del triennio associativo. A breve l’intero consiglio diocesano, e prima ancora i consigli parrocchiali, si rinnoveranno per dare nuovi volti e nuove responsabilità, che spero possono essere seme fecondo per la nostra Chiesa Pistoiese. Per cui, il consiglio uscente, con l’impegno operoso degli educatori ACR, ha pensato che fosse importante dare una spinta di entusiasmo, mostrare una Chiesa en salida (in uscita) che incontri e preghi fuori dalle consuete mura parrocchiali. A questo si collega l’ambientazione scelta per quest’anno dall’AC: CIRCOndati di GIOIA. Nel Circo, in questo mondo, troviamo i tratti caratteristici della Chiesa, comunità di persone che porta il suo ‘spettacolo’ in giro per il mondo per seguire la sua missione: portare un sorriso a tutte le persone che incontreranno. E quindi cosa c’è di più gioioso e bello di bambini che vivono e affollano le strade del centro della città, sorridono ai passanti e mostrano tutto il loro spettacolo? Infine la scelta di stare fuori, in città, è stata determinata anche dall’essenza stessa della festa: la Pace.

Non viviamo in un tempo di pace: la cronaca, le vicende internazioneli, le catastrofi naturali ci vorrebbero indurre a vivere con terrore. Un terrore che non trova accoglienza e conforto perchè ormai molti individui sembrano presi solo da se stessi e dai propri interessi. L’unico impegno che ci viene presentato è quello messo in campo dalla nostra società per inseguire falsi miti, ovvero il denaro, la notorietà e la vanità. In controtendenza, come da sempre è il Vangelo, vogliamo insegnare ai nostri ragazzi che la Pace si costruisce con i piccoli gesti, con un sorriso, incontrando, accogliendo e stando insieme in maniera fraterna. Si costruisce appunto abbattendo il muro dell’individualismo e dell’indifferenza. La nostra missione come cristiani è portare l’Annuncio, la bella notizia, la gioia della presenza di Cristo con cui nutrire i nostri cuori e le nostre vite. Pertanto come cristiani e sopratutto come educatori, non possiamo che coltivare piccoli gesti di Pace con la speranza che creino uomini e donne di pace.

I dettagli dell’incontro?

Tutti i bambini delle elementari si troveranno in piazza del duomo alle ore 10.00, per poi unirsi alle ore 11.00 con Adulti e Famiglie alla Chiesa della Madonna per celebrare la Santa Messa, presieduta da Mons. Fausto Tardelli. Dopo la messa i ragazzi pranzeranno al sacco e proseguiranno con le loro attività di catechesi, mentre gli Adulti, dopo aver pranzato insieme, avranno il loro momento di Ascolto della parola e di riflessione guidata da Don Cesare Tognelli.

La conclusione dell’incontro è prevista per le ore 17. I giovani e i giovanissimi dell’associazione saranno al servizio, perchè la pace va anche servita, per cui molti di loro saranno in veste di educatori e impegnati nella gestione dell’evento. Per partecipare non importa essere necessariamente Associati.

Valentina Raimondo – AC

I commenti sono chiusi .