I commenti sono off per questo post

VISITA PASTORALE DEL VESCOVO TARDELLI ALLA DIOCESI DI PISTOIA

Ha preso il via questa settimana la visita pastorale del vescovo Fausto Tardelli alle parrocchie della Diocesi. La visita pastorale è un momento di grazia che rappresenta il legame costruito nel tempo e nello spazio con la chiesa apostolica e con il Signore Gesù.

Si tratta di un atto particolarmente significativo del ministero episcopale; la visita, infatti, rientra tra i principali compiti del vescovo in cui il pastore «esercita più da vicino per il suo popolo il ministero della parola, della santificazione e della guida pastorale, entrando a più diretto contatto con le ansie e le preoccupazioni, le gioie e le attese della gente e potendo rivolgere a tutti un invito alla speranza (…) Realizzata così, la Visita pastorale si mostra qual è, un segno della presenza del Signore che visita il suo popolo nella pace» (Giovanni Paolo II, Esort. Apost. Pastores Gregis, n.46).

I principali obbiettivi della visita pastorale promossa dal Vescovo Tardelli sono i seguenti: 1) Condividere con il vescovo le gioie e le fatiche della vita parrocchiale. 2) Esortarsi a vicenda nella fede e nell’esercizio della carità. 3) Risvegliare la consapevolezza di essere un popolo in cammino. 4) Rinnovare nelle comunità cristiane e nei loro singoli membri l’impegno alla testimonianza e alla evangelizzazione. 5) Verificare se le indicazioni di Papa Francesco presentate in Evangelii Gaudium sono state recepite nelle parrocchie. 6) Favorire la ricezione e l’attuazione degli orientamenti pastorali diocesani, dedicati quest’anno al tema dei poveri come espresso nella lettera “Nei poveri il volto di Dio”. 7) Ringraziare Dio del dono della fede e della vita ecclesiale. 8) Interrogarsi sulle prospettive della vita della ecclesiale.

La visita del vescovo prenderà il via dal centro città secondo il seguente ordine: Parrocchie dell’unità pastorale del centro storico, Sant’Agostino, San Vitale e San Benedetto, San Francesco.

La visita si svolgerà in 4 tempi: 1) Preparazione della visita del vescovo in parrocchia; 2) Incontro personale del vescovo con il parroco della parrocchia interessata; 3) Incontro del vescovo con la parrocchia, a cui devono partecipare almeno il consiglio pastorale, il consiglio per gli affari economici e tutti gli operatori pastorali, religiose/i presenti in parrocchia; 4) Celebrazione eucaristica del vescovo in parrocchia il sabato o la domenica successiva all’incontro in parrocchia.

L’incontro con il vescovo deve essere preparato adeguatamente in parrocchia con la preghiera, l’ascolto e il confronto. La parrocchia visitata del vescovo è invitata a compilare una scheda che deve essere riempita dal parroco insieme al consiglio pastorale e consegnata al vescovo almeno una settimana prima della visita pastorale. L’obbiettivo è quello di fotografare alcuni aspetti della vita parrocchiale e favorire un dialogo costruttivo e concreto con il vescovo. Naturalmente ogni comunità parrocchiale può, nell’occasione, comunicare e condividere con il vescovo le cose che ritiene più opportune o urgenti. Durante l’incontro con il vescovo sarà riservato ampio spazio per gli interventi delle persone e il dialogo.

L’ufficio liturgico diocesano ha preparato PREGHIERA UNIVERSALE o DEI FEDELI in preparazione alla
alla visita pastorale. Il materiale si può scaricare di seguito:

PREGHIERA UNIVERSALE o DEI FEDELI visita pastorale (pdf)

 

 

I commenti sono chiusi .