I commenti sono off per questo post

COME PREPARARSI AL MATRIMONIO IN DIOCESI

Sono iniziati nel mese di gennaio i corsi prematrimoniali organizzati dal Vicariato di città. Si tratta di un importante iniziativa sulla quale è opportuno soffermarci alla luce dei nuovi Orientamenti Pastorali del Vescovo Fausto assieme a Don Pierluigi Biagioni della Fraternità Apostolica di Gerusalemme, responsabile dei corsi prematrimoniali in parrocchia e della pastorale familiare parrocchiale con i due gruppi famiglia.

Il vescovo Tardelli ricorda che la richiesta di matrimonio in chiesa, ma anche civile è in forte calo. Negli Orientamenti Pastorali afferma: “nell’ambito della pastorale familiare bisognerebbe domandarsi perchè sta succedendo questo per intervenire sul problema”. Tu, cosa ne pensi?

Leggendo gli orientamenti pastorali del nostro Vescovo anch’io mi sono soffermato su queste considerazioni riguardanti la famiglia. È un dato di fatto la diminuzione dei matrimoni cristiani e civili. C’è ormai una tendenza molto forte a scegliere la convivenza, sia come scelta di vita che come scelta transitoria (le coppie difficilmente dicono di non volersi sposare, ci sono anche quelle, ma tendono a rinviare nel tempo la scelta). Viviamo in un clima del provvisorio dove fanno paura le scelte definitive e c’è, per questo motivo, bisogno di cammini di accompagnamento delle coppie che si preparano al matrimonio o che perlomeno si interrogano su questa possibilità. Giustamente il Vescovo scrive: “È un’opportunità di incontro che Dio ci dà e la parrocchia ne approfitterà, mostrandosi accogliente e ben disposta, non offrendo ‘corsi prematrimoniali’ ma attenzione vera, calda ospitalità e accompagnamento amichevole, per favorire la scoperta della persona di Gesù Salvatore, del suo disegno d’amore per la vita delle persone, del suo progetto sull’uomo e sulla donna e della sua promessa di autentica felicità”. L’esperienza qui in parrocchia ci fa vedere che il corso prematrimoniale è un’occasione per diverse coppie di riscoprire la fede attraverso un cammino di accoglienza e di accompagnamento.

D. In che modo la parrocchia può prestare maggiore attenzione alla famiglia e alle giovani coppie che chiedono il sacramento del matrimonio, ma che nella realtà non riescono ad essere coerenti all’impegno preso?

Nell’esperienza di vita di queste coppie (di solito quasi la metà delle coppie già convive) il Signore Gesù viene loro accanto e fa scoprire la bellezza del progetto matrimoniale. Concludiamo il corso con un ritiro e ci viene detto spesso quanto sarebbe bello un prolungamento degli incontri. Quest’anno stiamo proprio cercando di realizzarlo. Nel percorso che proponiamo mettiamo subito l’attenzione sul fatto che non è prima di tutto la coppia che si impegna a vivere nella fedeltà, ma è il Signore stesso che si impegna fedelmente a sostenere la coppia. Riscoprendo la fede in Lui è possibile trovare la forza per rispondere alla vocazione matrimoniale.

D. Il vicariato di città per questo anno pastorale ha promosso un cammino di preparazione?

Il cammino proposto nel vicariato della città per le coppie che desiderano sposarsi è dato appunto da un calendario di incontri di preparazione, ma quello dovrebbe essere solo un punto di partenza per intraprendere o approfondire il cammino di fede all’interno della coppia. Quindi è indubbio che ci sia bisogno di accompagnatori che aiutino le coppie a far calare la fede nel loro vissuto.
Il corso, già nelle sue tematiche, mira a radicare nella fede il vissuto matrimoniale con i suoi pilastri (unità, fedeltà, indissolubilità, fecondità) e a far comprendere che solo una fede viva può far rigenerare continuamente la relazione matrimoniale.
In parrocchia abbiamo due gruppi famiglie, prevalentemente di giovani coppie (ma non solo), che ritrovandosi una volta al mese vivono insieme un momento di preghiera e di condivisione sulle tematiche legate al matrimonio e alla genitorialità. Rimane sempre una bella occasione di fraternità tra famiglie in cui si tiene conto anche del servizio della baby-sitter per poter lasciare più liberi, per quel che è possibile, i genitori di fare il loro percorso.

Daniela Raspollini

Gli incontri in preparazione al matrimonio per il Vicariato di città hanno il seguente calendario:

Parrocchia San Benedetto: 24 gennaio – 13 marzo ogni domenica alle ore 18.00
Parrocchia della Vergine: 2 febbraio -15 marzo ogni martedì ore 21
Parrocchia di S. Andrea: 3 marzo -28 aprile ogni giovedì ore 21
Seminario Vescovile: 4 aprile – 9 maggio ogni lunedì ore 21
Parrocchia Immacolata: 21 maggio -25 maggio ogni sabato ore 18
Parrocchia di S. Paolo: 22 settembre 4 dicembre ogni giovedì ore 21
Parrocchia Casermette: 20 ottobre 15 dicembre ogni giovedì ore 21

Vicariato di Carmignano Quarrata Poggio a Caiano
Corso di preparazione al Matrimonio organizzato dalla Parrocchia di S. Maria Assunta a Quarrata.
A partire dal 31 marzo, ore 21 e si protrarrà per 10 settimane consecutive.
Per info 0573 72 125 / 338 3844327 (Don Fausto Corsi)

Vicariato Di Bure Bassa
Calendario dei Corsi di preparazione al Matrimonio per l’anno 2016
6 maggio a Montemurlo (Fornacelle), ore 21
29 settembre a S. Niccolò a Agliana, ore 21
4 Novembre a Montemurlo (Fornacelle), ore 21

Per info 392 4375294 (Don Enzo Benesperi)

Vicariato del Montalbano occidentale
A partire da giovedi 21 aprile a Lamporecchio
Per info 328 0621138 (Don Andrea Mati)

Ricordiamo che in Diocesi sono disponibili per incontri di educazione alla sessualità e metodi naturali (Metodo Billings) ed educazione all’affettivitá ai bambini due coppie di giovani sposi:

Carla Maria Desideri – Francesco Cecchini ( desideri.carla@gmail.com ) / Elettra Logli – Giacomo Giovani (340 5891208)


Riteniamo utile pubblicare di seguito il discorso di Papa Francesco al tribunale della Rota Romana.

Discorso del Santo Padre Francesco in occasione dell’inaugurazione dell’anno giudiziario del tribunale della Rota Romana

Sala Clementina, Venerdì, 22 gennaio 2016

Cari fratelli,

vi do il mio cordiale benvenuto, e ringrazio il Decano per le parole con cui ha introdotto il nostro incontro.

Il ministero del Tribunale Apostolico della Rota Romana è da sempre ausilio al Successore di Pietro, affinché la Chiesa, inscindibilmente connessa con la famiglia, continui a proclamare il disegno di Dio Creatore e Redentore sulla sacralità e bellezza dell’istituto familiare. Una missione sempre attuale, ma che acquista particolare rilevanza nel nostro tempo.

Accanto alla definizione della Rota Romana quale Tribunale della famiglia[1], vorrei porre in risalto l’altra prerogativa, che cioè essa è il Tribunale della verità del vincolo sacro. E questi due aspetti sono complementari.

La Chiesa, infatti, può mostrare l’indefettibile amore misericordioso di Dio verso le famiglie, in particolare quelle ferite dal peccato e dalle prove della vita, e insieme proclamare l’irrinunciabile verità del matrimonio secondo il disegno di Dio. Questo servizio è affidato primariamente al Papa e ai Vescovi.

Nel percorso sinodale sul tema della famiglia, che il Signore ci ha concesso di realizzare nei due anni scorsi, abbiamo potuto compiere, in spirito e stile di effettiva collegialità, un approfondito discernimento sapienziale, grazie al quale la Chiesa ha – tra l’altro – indicato al mondo che non può esserci confusione tra la famiglia voluta da Dio e ogni altro tipo di unione.

Con questo stesso atteggiamento spirituale e pastorale, la vostra attività, sia nel giudicare sia nel contribuire alla formazione permanente, assiste e promuove l’opus veritatis. Quando la Chiesa, tramite il vostro servizio, si propone di dichiarare la verità sul matrimonio nel caso concreto, per il bene dei fedeli, al tempo stesso tiene sempre presente che quanti, per libera scelta o per infelici circostanze della vita,[2] vivono in uno stato oggettivo di errore, continuano ad essere oggetto dell’amore misericordioso di Cristo e perciò della Chiesa stessa.

La famiglia, fondata sul matrimonio indissolubile, unitivo e procreativo, appartiene al “sogno” di Dio e della sua Chiesa per la salvezza dell’umanità.[3]

Come affermò il beato Paolo VI, la Chiesa ha sempre rivolto «uno sguardo particolare, pieno di sollecitudine e di amore, alla famiglia ed ai suoi problemi. Per mezzo del matrimonio e della famiglia Iddio ha sapientemente unite due tra le maggiori realtà umane: la missione di trasmettere la vita e l’amore vicendevole e legittimo dell’uomo e della donna, per il quale essi sono chiamati a completarsi vicendevolmente in una donazione reciproca non soltanto fisica, ma soprattutto spirituale. O per meglio dire: Dio ha voluto rendere partecipi gli sposi del suo amore: dell’amore personale che Egli ha per ciascuno di essi e per il quale li chiama ad aiutarsi e a donarsi vicendevolmente per raggiungere la pienezza della loro vita personale; e dell’amore che Egli porta all’umanità e a tutti i suoi figli, e per il quale desidera moltiplicare i figli degli uomini per renderli partecipi della sua vita e della sua felicità eterna».[4]

La famiglia e la Chiesa, su piani diversi, concorrono ad accompagnare l’essere umano verso il fine della sua esistenza. E lo fanno certamente con gli insegnamenti che trasmettono, ma anche con la loro stessa natura di comunità di amore e di vita. Infatti, se la famiglia si può ben dire “chiesa domestica”, alla Chiesa si applica giustamente il titolo di famiglia di Dio. Pertanto «lo “spirito famigliare” è una carta costituzionale per la Chiesa: così il cristianesimo deve apparire, e così deve essere. È scritto a chiare lettere: “Voi che un tempo eravate lontani – dice san Paolo – […] non siete più stranieri né ospiti, ma concittadini dei santi e familiari di Dio” (Ef 2,19). La Chiesa è e deve essere la famiglia di Dio».[5]

E proprio perché è madre e maestra, la Chiesa sa che, tra i cristiani, alcuni hanno una fede forte, formata dalla carità, rafforzata dalla buona catechesi e nutrita dalla preghiera e dalla vita sacramentale, mentre altri hanno una fede debole, trascurata, non formata, poco educata, o dimenticata.

È bene ribadire con chiarezza che la qualità della fede non è condizione essenziale del consenso matrimoniale, che, secondo la dottrina di sempre, può essere minato solo a livello naturale (cfr CIC, can. 1055 § 1 e 2). Infatti, l’habitus fidei è infuso nel momento del Battesimo e continua ad avere influsso misterioso nell’anima, anche quando la fede non è stata sviluppata e psicologicamente sembra essere assente. Non è raro che i nubendi, spinti al vero matrimonio dall’instinctus naturae, nel momento della celebrazione abbiano una coscienza limitata della pienezza del progetto di Dio, e solamente dopo, nella vita di famiglia, scoprano tutto ciò che Dio Creatore e Redentore ha stabilito per loro. Le mancanze della formazione nella fede e anche l’errore circa l’unità, l’indissolubilità e la dignità sacramentale del matrimonio viziano il consenso matrimoniale soltanto se determinano la volontà (cfr CIC, can. 1099). Proprio per questo gli errori che riguardano la sacramentalità del matrimonio devono essere valutati molto attentamente.

La Chiesa, dunque, con rinnovato senso di responsabilità continua a proporre il matrimonio, nei suoi elementi essenziali – prole, bene dei coniugi, unità, indissolubilità, sacramentalità [6] –, non come un ideale per pochi, nonostante i moderni modelli centrati sull’effimero e sul transitorio, ma come una realtà che, nella grazia di Cristo, può essere vissuta da tutti i fedeli battezzati. E perciò, a maggior ragione, l’urgenza pastorale, che coinvolge tutte le strutture della Chiesa, spinge a convergere verso un comune intento ordinato alla preparazione adeguata al matrimonio, in una sorta di nuovo catecumenato – sottolineo questo: in una sorta di nuovo catecumenato – tanto auspicato da alcuni Padri Sinodali.[7]

Cari fratelli, il tempo che viviamo è molto impegnativo sia per le famiglie, sia per noi pastori che siamo chiamati ad accompagnarle. Con questa consapevolezza vi auguro buon lavoro per il nuovo anno che il Signore ci dona. Vi assicuro la mia preghiera e conto anch’io sulla vostra. La Madonna e san Giuseppe ottengano alla Chiesa di crescere nello spirito di famiglia e alle famiglie di sentirsi sempre più parte viva e attiva del popolo di Dio. Grazie.

Note

[1] Pio XII, Allocuzione alla Rota Romana del 1° ottobre 1940: L’Osservatore Romano, 2 ottobre 1940, p. 1.
[2] «Forse tutto questo flagello ha un nome estremamente generico, ma in questo caso tragicamente vero, ed è egoismo. Se l’egoismo governa il regno dell’amore umano, ch’è appunto la famiglia, lo avvilisce, lo intristisce, lo dissolve. L’arte di amare non è così facile come comunemente si crede. A insegnarla l’istinto non basta. La passione ancor meno. Il piacere neppure» (G.B. Montini, Lettera pastorale all’arcidiocesi ambrosiana all’inizio della Quaresima del 1960).

[3] Cfr Pio XI, Litt. enc. Casti connubii, 31 dicembre 1930: AAS 22 (1930), 541.

[4] Paolo VI, Discorso alle partecipanti al XIII Congresso Nazionale del Centro Italiano Femminile, 12 febbraio 1966: AAS 58 (1966), 219. San Giovanni Paolo II nella Lettera alle famiglie affermava che la famiglia è via della Chiesa: «la prima e la più importante» (Gratissimam sane, 2 febbraio 1994, 2: AAS 86 [1994], 868).

[5] Catechesi nell’Udienza generale del 7 ottobre 2015.

[6] Cfr Augustinus, De bono coniugali, 24, 32; De Genesi ad litteram, 9, 7, 12.

[7] «Questa preparazione al matrimonio, noi pensiamo, sarà agevolata, se la formazione d’una famiglia sarà presentata alla gioventù, e se sarà compresa da chi intende fondare un proprio focolare come una vocazione, come una missione, come un grande dovere, che dà alla vita un altissimo scopo, e la riempie dei suoi doni e delle sue virtù. Né questa presentazione deforma o esagera la realtà» (G. B. Montini, Lettera pastorale all’arcidiocesi ambrosiana, cit.).

image_pdfimage_print

I commenti sono chiusi .